Giuliana Consilvio, protagonista di numerose mostre personali e collettive, con oltre 40 anni di attività nel Laboratorio d’arte 18, vive a Milano dove ha uno studio d’arte in via Pomponazzi, 19, realizza acquaforti originali, stampe a mano, ritratti e dipinti.
La sua attività è documentata  in numerose presentazioni critiche  oltre che nei più qualificati cataloghi d’arte.

Organizza
incontri per diffondere e far conoscere l’arte incisoria:
acquaforte, acquatinta, cera molle e maniera pittorica.

La “bottega d’arte” è aperta ad amici oltre che a visitatori. anche occasionali
Per presenziare telefonate al numero +39 346.5109649
oppure venite in 
Via Pomponazzi, 19 – 20141 Milano

Le visite sono gradite, potrete così assistere a dimostrazioni pratiche di incisione e stampa a mano con torchio calcografico a stella
nonché vivere l’emozione della nascita  di un’ acquaforte originale.

Su richiesta vengono organizzati percorsi formativi personalizzati nelle varie discipline: Incisione, Disegno, Pittura e Ritratto.
Allo stesso modo è possibile usufruire del laboratorio con periodo e tempi da convenire.

L’arte di Giuliana Consilvio

Sommario

Nata a Milano, si è  formata dapprima presso l’Accademia di Brera, per continuare poi gli  studi artistici all’Istituto di Arte Grafica di Urbino. Nonostante  il periodo urbinate, la sua è una cultura strettamente  legata alla Lombardia sopratutto  a Milano, dove ha attraversato con partecipazione  i sogni e i miti del sessantotto e dove trae ispirazione per gran  parte delle sue opere, a cavallo tra le contraddizioni metropolitane  e l’atmosfera rarefatta del paesaggio lombardo.
Si esprime soprattutto  nella pittura ma anche nelle svariate tecniche dell’incisione (più di 600 lastre, a partire dal 1962) ma spazia anche nella fotografia e nella ceramica.

Dal 1985

Predilige temi ispirati all’ambiente nonché alle atmosfere  della Lombardia. Riprendendo le parole di Franco Solmi, ricavate  dalla bella introduzione alla monografia “Il segno dipinto”,  dedicata all’opera della Consilvio, possiamo affermare che il  disordine urbano “assedia le immagini di una periferia a  misura d’uomo, che pateticamente continua a esistere e resistere,  appunto, come immagine, ma prendendo le forme sublimate della  memoria (…). Oggi la denuncia è in questa impenetrabile  fissità, in questo tacere delle cose, in queste assenze  che popolano un paesaggio…”.

Dove ha iniziato ad esporre

Ha iniziato ad esporre nel 1962 partecipando  su invito a numerose importanti esposizioni collettive nazionali  e organizzando mostre personali di grafica e pittura in Italia e  all’estero.
Fra le più recenti vanno segnalate:

In Italia

A  San Donato Milanese nel ’95 un’ampia rassegna di pittura negli  spazi espositivi di Cascina Roma; a Milano nel maggio del ’96  alla Ponte Rosso una personale di pittura presentata in catalogo  da Rossana Bossaglia; a Merate (Lecco) in ottobre ’97, su invito del Comune, personale  di pittura alla Villa Confalonieri.

All’estero

A Kyoto  nel 1992 alla Galleria Kita Kyoto con cinquanta acquaforti;  a settembre ed ottobre ’97 a New York -Scuola  Guglielmo Marconi- collettiva di pittura “Arte al Volante”;

Documentazione

La sua opera è documentata da presentazioni critiche apparse  su quotidiani, riviste specializzate oltre che da due testi monografici:  “Fumo e stelle cadenti”, presentato da Rossana Bossaglia  (1983), e “Giuliana Consilvio. Il segno dipinto”, col  testo di Franco Solmi (1989).

Vive a Milano dove ha lo studio di pittura
in Via Pomponazzi, 19 – Telefono: +39 346.5109649.

E’ possibile

visitare e conoscere le attività del laboratorio dove si realizzano esclusivamente acquaforti originali.
Per visitarlo si consiglia telefonare al numero +39 346.5109649.
Oppure inviare una mail!